Il grillino on. Gallo, Pinocchio di turno

Giorni or sono Luigi Gallo (M5S), Presidente della VII Commissione Cultura della Camera, in un post su Facebook a proposito del decreto precari dello scorso 10 ottobre aveva dichiarato: “Per parlare seriamente di scuola e riuscire a fare ciò che la scuola, l’università e la ricerca si aspetta abbiamo dovuto aspettare di mandare la Lega a casa che non voleva spendere un euro in più nella scuola facendo solo 16 mesi di propaganda”. (altro…)

Leggi il seguito

Il bonus premiale dei docenti e la “beata ignoranza” del ministro Fioramonti

Più volte nel passato ci siamo occupati del “bonus premiale” che il comma 126 della Legge 107/2015 (la famigerata Buona Scuola di Renzi) ha istituito con il preciso scopo di valorizzare il merito del personale docente. Non sto ad addentrarmi nella problematica della valutazione, ricordando solo un principio affermato con forza dallo Snals-Confsal: “È molto grave che questa valutazione dei docenti sia agganciata alla monetizzazione. È una questione morale, oltre che sostanziale. Forse il governo ha fatto un po’ di confusione tra merito e produttività e tra istruzione e formazione, che sono cose molto diverse”. (altro…)

Leggi il seguito

EVIVA LA SQOLA! del Ministro Fioramonti, il novello riformatore gentiliano della scuola italiana.

Dopo i ministri Gabrio Casati e Giovanni Gentile la scuola italiana aveva proprio l’urgente necessità di un ministro riformatore che ridesse ruolo e dignità alla sua funzione. Si sono guardati intorno e chi hanno trovato? Un docente della Bocconi? Della Cattolica? Della Statale? Della Normale di Pisa? No, hanno trovato nientemeno che un docente di economia politica presso l’Università di Pretoria in Sudafrica: Lorenzo Fioramonti. (altro…)

Leggi il seguito

Si ricomincia…si parte???

Settembre, andiamo! Si riaprono le scuole. È tempo di tornare al “lavoro usato”. Anche in questo nuovo anno scolastico il suono della campanella ci indica l’inizio di un nuovo viaggio, un percorso educativo complesso e difficile, basato sul dialogo, sull’ ascolto, sul confronto, sulla condivisione per introdurre gli studenti certamente nel mondo dei saperi, ma soprattutto per aiutarli a costruire il loro futuro, perché nessuno gliene regalerà uno (altro…)

Leggi il seguito

INCONTRO COL MINISTRO – Serafini (Snals): “Subito stabilizzazione dei precari, rinnovo contrattuale, investimenti in Legge di Bilancio”

Il Segretario Generale dello Snals Serafini ha chiesto al Ministro Fioramonti un forte impegno del suo dicastero per il superamento delle criticità del Comparto Istruzione e Ricerca, ma anche un progetto di ampio respiro con investimenti adeguati già nella prossima Legge di Bilancioche valorizzi, sia dal punto di vista economico sia da quello sociale, le istituzioni scolastiche e di ricerca su tutto il territorio nazionale, nonché le molteplici professionalità degli operatori del settore. (altro…)

Leggi il seguito

RISORSE PER LA FORMAZIONE

Il giorno 12 settembre 2019 si tenuto un incontro informativo su: “Contrattazione integrativa per la definizione dei criteri generali di ripartizione delle risorse per la formazione del personale docente, educativo e ATA” (art. 22 art. 4, a3 del CCNL 2016/2018). Il Miur riferisce che all’ 1 settembre 2019 risultano registrati sulla piattaforma della carta docenti 651.790 insegnanti e il plafond impegnato al 14 settembre 2019 è di 418.363.167, 66 euro. (altro…)

Leggi il seguito

PENSIONATI SCUOLA 2016 – 2017 – 2018: RILIQUIDAZIONE PENSIONE

Il personale scolastico andato in pensione dall’1/01/2016 al 31/12/2018 ha diritto all’adeguamento dell’importo della pensione e della buonuscita secondo quanto previsto all’art. 36 del CCNL 2016-2018. E’ opportuno che gli interessati verifichino se sia stato eseguito il ricalcolo della pensione, che l’INPS  non effettua automaticamente. Pertanto si consiglia di rivolgersi allo SNALS (prof. Michele Famiglietti) per le opportune verifiche e per l’eventuale procedura da adottare per ottenere il ricalcolo della pensione con gli aumenti contrattuali previsti.

Leggi il seguito

CSPI: parere negativo sulla sperimentazione Educazione civica

Il CSPI nella seduta dell’11 settembre 2019 ha espresso parere negativo in merito alla sperimentazione nazionale dell’insegnamento trasversale dell’educazione civica in tutte le scuole del primo e del secondo ciclo di istruzione da avviare nell’a.s. 2019/2020. Il parere negativo non riguarda l’introduzione dell’insegnamento, bensì la sperimentazione introdotta ad anno scolastico già iniziato, quando le scuole hanno già predisposto il curricolo e il piano delle attività . Pertanto è opportuno rinviarla all’a.s. 2020/21,  avendo il tempo necessario per una suo adeguato piano organizzativo e per la preparazione all’introduzione di un fondamentale cambiamento della didattica.  (altro…)

Leggi il seguito