Alunno promosso se la bocciatura manca di «motivazione personalizzata»

L’ammissione degli studenti della scuola secondaria di primo grado alla classe successiva o all’esame conclusivo del primo ciclo costituisce la regola generale derogabile soltanto ove risultino condotte rilevanti sul piano disciplinare ovvero si riscontri una parziale o mancata acquisizione da parte dell’alunno dei livelli di apprendimento in una o più discipline. (altro…)

Leggi il seguito

Concorso a preside, ai candidati bocciati va copia di «tutte» le prove corrette

Per il Consiglio di Stato nessun dubbio: i candidati che non hanno superato le prove del concorso a preside hanno diritto a copia degli elaborati, delle griglie di valutazione e dei verbali di correzione riferiti ai candidati ammessi alla prova orale. E nessun «no» del ministero può essere giustificato dall’enorme massa di documentazione che deve essere movimentata e trasmessa, in quanto l’attuale utilizzo delle tecnologie informatiche nella formazione, conservazione e trasmissione della documentazione amministrativa lo consente, senza se e senza ma.

Leggi il seguito

Censura al docente che punisce la vittima al posto del bullo

L’insegnante che scambia la vittima per il bullo deve essere sanzionata disciplinarmente. Lo ha stabilito il Tribunale di Bologna, sezione lavoro, con la sentenza 633 pubblicata il 29 dicembre 2020 (giudice Cosentino), che ha fatto il punto sulle responsabilità degli insegnanti durante l’orario scolastico. (altro…)

Leggi il seguito

SE ANCHE AZZOLINA RIPUDIA LA SUA DAD

«La Dad non funziona più». «Oggi è difficile per gli studenti capire perché non si riapre: hanno ragione, capisco le loro frustrazioni e le loro difficoltà. La scuola è un diritto costituzionale, se a me l’avessero tolta probabilmente non sarei qui».  (altro…)

Leggi il seguito

La Scuola, Cenerentola d’Italia

Gli studenti del liceo Tasso di Roma hanno espresso il loro parere sulla situazione di stallo che sta vivendo la scuola superiore:  Il vero virus nelle scuole è la mala gestione… un virus che ha contaminato, roso dall’interno l’istruzione e il valore sociale e umano della scuola, ora svuotata di ogni senso educativo, dell’idea stessa che ne è alla base, del suo essere priorità e fondamento di un paese e di un popolo che intendano sviluppare un pensiero critico e dunque libero. (altro…)

Leggi il seguito

La prof occupa la scuola: basta dad

Gloria Ghetti, docente di Storia e filosofia, in rappresentanza di colleghi, genitori e studenti del Liceo Torricelli-Ballardini di Faenza, in provincia di Ravenna, la notte scorsa ha “occupato” pacificamente la scuola in segno di protesta. E lo farà anche di notte.  (altro…)

Leggi il seguito

Ma non è una cosa seria

Se la notte porta consiglio, è pure nelle notte che vagano le figure più inquietanti  e sinistre delle nostre paure più ancestrali; e infatti è accaduto che proprio nel cuore della notte,  il Consiglio dei ministri cambi parere sul rientro a scuola, fissato per il 7 gennaio senza se e senza ma, da parte della ministra e del suo staff di esperti, e ne trovi un altro, di tre giorni più lontano: l’11 gennaio(altro…)

Leggi il seguito

Dalla Dad alle graduatorie, istruzioni per riaprire ben il 7/1

Ogni scuola è un mondo, una realtà a sé che andrebbe compresa, stimata e messa nelle condizioni di funzionare. La pandemia ha incrementato ovunque le differenze, nella scuola ha aperto un baratro: ci sono esperienze di didattica digitale straordinarie, ci sono scuole che sono riuscite a tenere insieme studenti, docenti e genitori, che hanno continuato, seppure a scartamento ridotto, a progettare e ce ne sono tante altre in cui la distanza ha significato l’acuirsi di tensioni, astio, conflitti, depressione e violenze. (altro…)

Leggi il seguito