Iniziativa finalizzata a sollecitare la riliquidazione della pensione e della buonuscita per i pensionati 2016-2017-2018

PENSIONATI SCUOLA 2016–2017-2018: DIFFIDA ALL’AMMINISTRAZIONE PER IL GIUSTO ADEGUAMENTO DEL TRATTAMENTO DI PENSIONE E DI BUONUSCITA AI MIGLIORAMENTI DEL CCNL 2016/2018 (altro…)

Leggi il seguito

Pensionati scuola statale, comunale e paritaria: Serve aggiornare con urgenza le detrazioni fiscali nella pensione, se necessario

Controllando il cedolino della pensione di alcuni iscritti, si è notato più volte che le detrazioni fiscali indicate non corrispondevano alla situazione “reale“. Se nel cedolino della pensione sono presenti detrazioni d’imposta per figli non più fiscalmente a carico è necessario, quanto prima, intervenire ON LINE con PIN dispositivo o SPID, aggiornando le detrazioni fiscali.

Nella allegata scheda del Prof. Renzo Boninsegna dello Snals di Verona è indicata la procedura per aggiornare, se necessario, le detrazioni fiscali spettanti nella pensione, anche al fine di evitare “pesanti sanzioni” da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Leggi il seguito

Pensionamenti per raggiunti limiti di età, Rinuncia ricongiunzione

Molti pensionandi per limiti di età, confidando in un onere di ricongiunzione (art. 2 legge 29/79) accettabile e conveniente, all’atto dell’invio della domanda per il pagamento della pensione di vecchiaia all’Inps non hanno chiesto il cumulo gratuito. All’atto della presentazione della domanda, l’Inps non aveva ancora lavorato le vecchie pratiche di ricongiunzione ai sensi dell’art. 2 legge 29/79. In questi giorni molte sedi Inps hanno notificato agli interessati la determina della ricongiunzione chiedendo l’accettazione o la rinuncia. (altro…)

Leggi il seguito

PENSIONI, INPS E MINISTERO COMPLETANO LE CERTIFICAZIONI DEL PERSONALE SCOLASTICO

Si avvia a conclusione, anche quest’anno positivamente e nei tempi programmati, l’operazione di certificazione del diritto alla pensione per il personale del comparto scuola, svolta da Inps in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione. L’Istituto ha infatti già completato alla data del 20 maggio, anche grazie all’impegno delle scuole e dell’Amministrazione scolastica, la definizione del 95% delle certificazioni del diritto alla pensione in relazione alla platea interessata. Ciò permetterà al Ministero dell’Istruzione di realizzare in tempi utili le operazioni di mobilità e di immissione in ruolo del personale in funzione dell’avvio del nuovo anno scolastico. (altro…)

Leggi il seguito

Pace contributiva e Riscatto laurea a costo ridotto

L’articolo 20 del decreto legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito con modificazioni dalla legge 28 marzo 2019, n. 26, ha introdotto il nuovo istituto del riscatto dei periodi non coperti da contribuzione (commi da 1 a 5) e un diverso criterio di calcolo dell’onere del riscatto dei periodi di studio universitario da valutare nel sistema contributivo. (altro…)

Leggi il seguito

Dipendenti scuola in regime pensionistico “CONTRIBUTIVO PURO”: Pace contributiva e riscatto laurea a costo ridotto

L’INPS, con il messaggio 13 maggio 2021, n. 1921, fornisce alcuni chiarimenti in merito alla pace contributiva e riscatto laurea a costo ridotto per i dipendenti in regime pensionistico “CONTRIBUTIVO PURO” e cioè con primo contributo previdenziale successivo al 31/12/1995. In particolare l’INPS precisa che la domanda di riscatto cd. pace contributiva scade il 31/12/2021, mentre il riscatto dei corsi di studio universitari con le modalità “agevolate”  è invece attivabile anche negli anni successivi al 2021.

Nella allegata scheda del prof. Renzo Boninsegna  dello Snals di Verona viene descritta, con relativi esempi e costi, la possibilità di “potenziare” la propria posizione assicurativa, utilizzando le citate forme di riscatto.

Leggi il seguito

PENSIONI QUOTA 100, CHI RAGGIUNGE IL REQUISITO ANAGRAFICO NEL 2021 POTRÀ PRESENTARE DOMANDA NEL 2022

Chi raggiunge il requisito anagrafico nel 2021 per accedere all’opzione Quota 100 (Legge 4/2019) potrà presentare istanza di pensionamento con questo sistema nel 2022. Questo è previsto dell’articolo 14 della legge n.26/2019 che stabilisce che, i lavoratori che perfezionano i requisiti per “quota 100” – 38 anni di contributi e 62 anni di età – nel periodo compreso tra il 2019 e il 2021 possono conseguire il trattamento pensionistico in qualsiasi momento successivo all’apertura della cosiddetta finestra. (altro…)

Leggi il seguito

Pensionandi 2021

Si richiama l’attenzione sulla necessità di controllare l’ipotesi di pensione maturata al 31.08.2021 al fine di percepire, una volta andati in pensione, il giusto importo. Il controllo preventivo è necessario per evitare di richiedere riliquidazioni o di effettuare ricorsi che, se presentati dopo aver ricevuto la determinazione della pensione, comportano attese anche di anni per veder riconosciuti i propri diritti. (altro…)

Leggi il seguito

Nati nel 1956 che cesseranno per vecchiaia nel 2023: Domanda computo scade il 31/08/2021

I dipendenti scuola nati nel 1956 che cesseranno dal 01/09/2023 per limiti di età (attualmente 67 anni) d’ufficio (se nati entro il 31/08/1956) o a domanda (se nati dal 01/09/1956 al 31/12/1956) e che vantano  supplenze PRE 1988 per valorizzare tali periodi nella CASSA STATO devono presentare entro il 31/08/2021 (se non  già fatto in precedenza) on line  alla competente sede INPS la domanda di computo tramite Web. Nella allegata scheda del Prof. Renzo Boninsegna dello Snals di Verona viene spiegato il motivo di tale scadenza e viene indicato il percorso da seguire per l’invio on line di tale domanda che comporta un trasferimento gratuito dei contributi pensionistici alla CASSA STATO.

Leggi il seguito

Calcolo dei 35 anni di contributi per accesso alla pensione Opzione Donna per le dipendenti delle scuole statali, dell’infanzia comunali e delle paritarie

Sono pervenute alcune richieste di chiarimento in particolare sul calcolo dei 35 anni utili di contribuzione per accedere al pagamento della pensione c.d. Opzione Donna. Nella allegata scheda del prof. Renzo Boninsegna dello Snals di Verona vengono chiarite le modalità di calcolo dei citati 35 anni di contribuzione utile per maturare il diritto alla pensione opzione donna esaminando le diverse tipologie di dipendenti:

  • Donne dipendenti delle scuole statali
  • Donne dipendenti delle scuole dell’Infanzia comunali
  • Donne dipendenti delle scuole paritarie (laiche e religiose)
Leggi il seguito