Precari triennalisti, l’immissione in ruolo cancella il danno

La sezione lavoro della Corte di cassazione con la sentenza 6640 del 9 marzo scorso ha sancito che l´immissione in ruolo sana definitivamente la lesione del danno da mancata conversione del contratto di supplenza in contratto a tempo indeterminato. Pertanto i precari triennalisti che abbiano ottenuto l´immissione in ruolo non hanno diritto di vedersi riconoscere le mensilità di retribuzione previste a titolo di risarcimento del danno subito anche se la reiterazione è avvenuta oltre i 3 anni e con supplenze annuali (fino al 31 agosto).