Concorso dirigenti scolastici: gestione delle rinunce.

Lo SNALS ha precisato che sarebbe opportuno prevedere una mobilità straordinaria per i nuovi d.s. per l’a.s. 2020-2021 in ragione delle nuove sedi che si renderanno disponibili dall’1.9.2020.

Il 27 agosto si è svolto al Miur un incontro sulle problematiche relative ai dirigenti scolastici. Per l’Amministrazione erano presenti la Dott.ssa Palumbo e il Dott. Chinè ed è intervenuto il Ministro Bussetti per porgere un saluto alle OO.SS. e ringraziarle del lavoro svolto insieme durante il suo mandato. Il Ministro uscente si è rammaricato di non essere riuscito a far approvare il decreto di stabilizzazione dei docenti precari, sul quale si era registrata una larga convergenza con il mondo sindacale.

Relativamente al tema dell’incontro l’Amministrazione ha descritto la situazione per i posti lasciati liberi dai dirigenti scolastici vincitori di concorso e rinunciatari, stimati in circa 50 unità.
I tempi non consentono di ripetere per tutti i posti disponibili (compresi quelli dei rinunciatari) la procedura delle assegnazioni alle regioni. Infatti, la situazione sarà definitiva il 29 agosto, ma i contratti vanno definiti entro il 31 agosto.
Pertanto, sono state prospettate due ipotesi: la prima prevede di assegnare a reggenza le sedi liberate, con la conseguenza che i posti sarebbero accantonati per le immissioni in ruolo dal 1° settembre 2020, procedendo con lo scorrimento della graduatoria nazionale.
La seconda ipotesi sarebbe lo scorrimento immediato della graduatoria, partendo dal primo non nominato, offrendo le regioni disponibili secondo l’ordine della graduatoria stessa. In tal modo i posti sarebbero subito occupati dai dirigenti scolastici vincitori.
Nel caso di eventuali sedi rese disponibili in seguito a rinunce per mancata presa di servizio il 2 settembre, esse sarebbero assegnate a reggenze.
I successivi interventi delle OO.SS. hanno fatto registrare una maggioranza di opinioni favorevoli alla seconda ipotesi, cioè lo scorrimento immediato della graduatoria, pur precisando che la migliore soluzione sarebbe stata quella di procedere a un nuovo scorrimento totale.
Lo SNALS-CONFSAL, sostenendo l’ipotesi di scorrimento, ha precisato inoltre l’opportunità di prevedere una mobilità straordinaria per i nuovi dirigenti scolastici per l’anno scolastico 2020/2021 in ragione delle nuove sedi che si renderanno disponibili dal 1° settembre 2020.
In seguito alle posizioni delle OO.SS. l’Amministrazione ha deciso di optare per lo scorrimento immediato della graduatoria.