LE REGOLE PER SVOLGERE (IN SICUREZZA) I CONCORSI

DISTANZIAMENTO, MASCHERINE, IGIENE DELLE MANI. Indicazioni del ministero: i candidati potranno accedere all’interno dell’area concorsuale solo uno per volta

Misure di distanziamento, igienizzazione frequente delle mani, mascherina Ffp2. Sono queste alcune delle regole sanitarie in vigore fino al 31 dicembre, come previste da un decreto del ministero dell’Istruzione. Regole che varranno quindi anche per i prossimi concorsi a cattedra (salvo peggioramenti del quadro epidemiologico tali da comportare un aggiornamento degli attuali protocolli sanitari di contrasto della diffusione del Covid-19). La presenza dei candidati nell’aula sede d’esame dovrà essere determinata in rapporto alla capienza degli spazi individuati.

Fascia di protezione individuale di almeno un metro

Secondo le indicazioni del ministero, dovranno essere garantite misure di distanziamento tra canditati, personale di supporto, membri della commissione e del comitato di vigilanza, responsabili tecnici d’aula ed in generale tra tutte le figure presenti nelle aree concorsuali, da definire anche in ragione delle caratteristiche dei locali utilizzati per lo svolgimento delle prove, attraverso la previsione di una fascia di protezione individuale che permetta il rispetto del distanziamento interpersonale di almeno un metro.

Accesso uno per volta

I candidati potranno accedere all’interno dell’area concorsuale solo uno per volta. Ad essi è fatto obbligo, in particolare, di igienizzarsi frequentemente le mani con il gel contenuto negli appositi dosatori all’ingresso; e di indossare obbligatoriamente, a pena di esclusione dalla procedura concorsuale per tutto il tempo di permanenza all’interno dell’area concorsuale, dal momento dell’accesso sino all’uscita facciali filtranti FFP2 che coprano correttamente le vie aeree (bocca e naso) messi a disposizione ai candidati. Non deve essere consentito in ogni caso nell’area concorsuale l’uso di mascherine chirurgiche, facciali filtranti e mascherine di comunità in possesso del candidato.

Alla postazione si rimane seduti

I candidati che accedono all’aula concorsuale sono tenuti ad occupare una postazione informatizzata, predisposta rispettando la distanza di 1 metro in tutte le direzioni (con disposizione “a scacchiera”), preventivamente determinata attraverso segnaposti adesivi. I candidati, una volta raggiunta la postazione loro assegnata dovranno rimanere seduti per tutto il periodo che precede la prova, durante e al termine dello svolgimento della stessa finché non saranno autorizzati all’uscita. Durante l’orario d’esame sarà permesso l’allontanamento dalla propria postazione esclusivamente per recarsi ai servizi igienici o per altri motivi indifferibili. Si resta con il facciale filtrante FFP2 messo a diposizione dalla amministrazione organizzatrice; e non si potranno consumare alimenti ad eccezione delle bevande di cui i candidati si devono munire preventivamente.

Piano operativo specifico della procedura concorsuale

Le amministrazioni organizzatrici delle prove concorsuali dovranno predisporre un piano operativo, che dovrà essere pubblicato sul sito web dell’Ufficio scolastico regionale dedicato alla specifica procedura concorsuale entro 3 giorni precedenti lo svolgimento della prova.

da Il Sole 24 Ore