TFA sostegno V ciclo: decreto autorizza attività di laboratorio a distanza. Si conclude entro 16 luglio 2021

TFA sostegno V ciclo anno accademico 2019/20: il Ministro Manfredi comunica di aver firmato un decreto che autorizza le attività di laboratorio a distanza. Rimane inalterata la data entro la quale dovranno concludersi le attività: 16 luglio 2021.

Il messaggio del Ministro dell’Università Gaetano Manfredi
“Due giorni fa ho firmato un decreto che autorizza, per il V ciclo 2019/2020, il proseguimento delle attività formative dei corsi di specializzazione sul sostegno didattico.
Per il V ciclo c’è la possibilità di fare le attività di laboratorio a distanza
Per i candidati risultati idonei nei cicli precedenti c’è la possibilità di fare le attività di laboratorio a distanza
Gli atenei garantiscono lo svolgimento della prova orale di ammissione al V ciclo 2019/2020, a distanza
 Rimane invariata la data di conclusione del corso di specializzazione entro il 16 luglio 2021″

Spiraglio per soprannumerari del V ciclo TFA sostegno

Uno spiraglio si apre per i cosiddetti “soprannumerari del V Ciclo TFA sostegno”, ricordiamo che sono accompagnati in questo percorso, dall’incombente presenza del Covid 19 che ha causato nello scorso marzo la sospensione di ogni attività didattica in presenza nelle scuole e nelle università.
Soltanto nello scorso maggio il D.M. 25.05.2020 a causa dell’emergenza epidemiologica, autorizzò l’avvio dei corsi di specializzazione sul sostegno didattico per l’a.a. 2019/2020, per i candidati risultati idonei nei cicli precedenti e regolarmente iscritti al V ciclo, utilizzando anche modalità a distanza per le sole lezioni degli insegnamenti e per i soli tirocini indiretti. Nel suddetto decreto si evidenziò che le attività di laboratorio e di tirocinio diretto dovessero svolgersi in presenza.
Partiti i corsi estivi a pieno regime, come un vero e proprio tour de force si è giunti al caldo autunno dove purtroppo il Covid ha stretto nuovamente la morsa e in molte regioni considerate ad alto rischio, nelle istituzioni scolastiche e nelle università sono state sospese nuovamente le attività in presenza.

L’odissea degli specializzandi

Il percorso dei soprannumerari del V ciclo TFA, sembra essersi configurato come un’ardua impresa dal momento che la sospensione delle attività in presenza ha rallentato i tempi del corso di formazione, infatti il conseguimento del titolo sarebbe dovuto avvenire a febbraio, difficile a realizzarsi dal momento che il D.M dello scorso maggio ha impedito che sia i laboratori che i tirocini si svolgessero in presenza. Gli stessi tirocini diretti (150 ore) non possono durare meno di 5 mesi (Decreto 30 settembre 2011) e devono svolgersi presso le strutture scolastiche. Infatti l’avvio dei tirocini diretti e indiretti è legato alla firma del contratto formativo che avviene tra il dirigente scolastico e lo specializzando e a quanto pare di questi tempi risulta difficile riuscire trovare una scuola anche tra quelle accreditate, disposta ad accogliere gli specializzandi.
Nell’attesa di indicazioni da parte del ministero competente alcune università danno l’avvio ai tirocini diretti on line
La prima a scendere in campo è l’Università di Foggia che lo scorso 9 novembre pubblica il seguente avviso:
“A seguito degli ultimi DPCM che sono intervenuti a regolamentare lo svolgimento dell’attività didattica nelle scuole di ogni ordine e grado, si ravvisa l’opportunità di autorizzare i corsisti del V ciclo Tfa Sostegno, riservato agli idonei dei cicli precedenti, a seguire le attività di tirocinio in modalità di Didattica a distanza nel caso in cui la scuola ospitante attivi tale modalità, limitatamente al periodo di emergenza sanitaria”.
A seguire l’Unisob di Napoli:
“Facendo seguito all’ultima determina del Comitato Universitario Regionale della Campania si comunica quanto segue:
Possono essere svolte a distanza tutte le attività di tirocinio di area non medica che siano compatibili con il mezzo on line e siano indispensabili al conseguimento dei previsti titoli per gli studenti; tenuto conto del parere positivo e della disponibilità dimostrata in proposito dalla Direzione scolastica regionale, possono essere altresì svolti a distanza i tirocini didattici dei corsi di Scienze della formazione primaria e dei Corsi di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità, attraverso piattaforme che garantiscano l’effettività della connessione e il tracciamento univoco della presenza e di tutte le attività svolte”.
E’ evidente che ad oggi, l’emergenza epidemiologica sia estesa su tutto il territorio nazionale , ben vengano quindi le iniziative che diano l’opportunità agli specializzandi di continuare il loro percorso formativo e conseguire l’abilitazione in tempi utili, dal momento che la mancanza di docenti di sostegno specializzati che si verifica ad ogni inizio anno scolastico , dimostra quanto il reclutamento degli insegnanti di sostegno specializzati sia claudicante e al di là dei proclami, rimane il concreto rischio che puntualmente venga leso  il diritto all’istruzione degli alunni con disabilità .
di Linda Tramontano – Orizzontescuola – 20 novembre 2020