Chiara Saraceno “bacchetta” la Ministra: Troppo occupata dal calendario scolastico per ascoltare i docenti

Chiara Saraceno é una delle sociologhe italiane di maggior fama, con all’attivo importanti studi sulla famiglia, sulla questione femminile, sulla povertà e le politiche sociali. La Saraceno analizzando le recenti problematiche legate alla scuola non ha mancato di bacchettare la ministra Azzolina. “Sembra che le preoccupazioni principali della ministra dell’Istruzione siano state il mantenimento del calendario scolastico, la garanzia che nessuno sarebbe stato bocciato e la valutazione degli apprendimenti”.

Secondo la Saraceno, la ministra si è preoccupata “tardivamente di far arrivare tablet e pc là dove mancavano a studenti che non potevano nemmeno permettersene l’acquisto…colpisce soprattutto l’apparente sottovalutazione del fatto che, in un Paese in cui la dispersione scolastica è molto elevata, soprattutto nelle aree e nei gruppi sociali più svantaggiati, il rischio dell’abbandono e della demotivazione da parte di molti studenti sarebbe aumentato esponenzialmente. Nulla è stato previsto per contrastarlo, al di là della generosa iniziativa di molti, ma non la maggioranza, docenti e dell’associazionismo civile”.

La Saraceno aggiunge inoltre che bisognerebbe “organizzarsi per dedicare i mesi da qui a settembre ad attività che aiutino questi bambini e ragazzi non solo a recuperare gli apprendimenti persi, ma la capacità e il desiderio di farlo, aprendo su questo una discussione con gli insegnanti, ma anche con i soggetti della società civile”.

da Oggiscuola 25 maggio 2020